ti trovi nella sezione: database


Il database del progetto LIFE FutureForCoppiceS si prefigge di:
Il database è costruito su una rete di aree di ricerca permanenti realizzate a partire dalla fine degli anni '60 del secolo scorso dal CREA - Centro di ricerca Foreste e Legno (allora Istituto sperimentale per la selvicoltura), coordinatore del progetto LIFE FutureForCoppiceS

Nove sono i siti monitorati, distribuiti in due Regioni: Toscana (7 siti con 34 aree) e Sardegna (2 siti con 11 aree), per un totale di 45 aree di ricerca permanenti. Tre sono le tipologie forestali (European Forest Types, EFTs) monitorate: boschi di faggio (mountainous beech forests), boschi di cerro (deciduous thermophilous forests) e boschi di leccio (evergreen broadleaved forests).
In tre (uno per EFT) siti, denominati "siti plus", sono stati testati, oltre che indicatori di GFS correntemente utilizzati, anche nuovi indicatori ritenuti più idonei per i boschi di origine agamica. I tre siti plus sono: Buca Zamponi (faggio), Is Cannoneris (leccio) e Poggio Pievano (cerro). In totale i rilievi sui nuovi indicatori hanno interessato 18 aree di ricerca permanenti.

Nel complesso il progetto LIFE FutureForCoppiceS (2015-2018), attraverso l'attività del CREA - Centro di ricerca Foreste e Legno e degli altri Beneficiari - Fondazione Edmund Mach, Università di Sassari, Università di Firenze, Agenzia Forestas e Terre Regionali Toscane - ha consentito di monitorare un'ampia serie di variabili che hanno reso possibile calcolare e valutare un totale (tra quelli correntemente utilizzati e quelli nuovi) di 39 indicatori, ripartiti in tutti e sei i Criteri di GFS.

Un quadro di sintesi dei risultati ottenuti, con confronti tra indicatori di GFS di uso corrente e nuovi indicatori, suddivisi per tipologia forestale e opzione di gestionale (ceduo a regime, conversione a alto fusto e evoluzione naturale), è liberamente consultabile a questo link.

Maggiori dettagli per la consultazione e la richiesta di specifiche serie di dati sono disponibili su questo link previa consultazione del Data Policy.
Gli utenti accreditati possono accedere al database tramite questo link